Terremoti in Euroasia:11-27 febbraio 2014

Immagine

MACRO-CELLA GEOMORFOLOGICA EUROASIATICA

Il modello descrive l’andamento della vibrazione elettromagnetica che determina l’attività sismica nell’area euroasiatica.

L’attività sismica, in espansione dal centro geomagnetico della macro-cella euroasiatica, contribuisce a modellare le terre del bacino del Mediterraneo.

L’elettromagnetismo, che proviene dal confine tra nucleo terrestre e mantello, s’irradia procedendo per moti convettivi fino ai centri geomagnetici delle celle geomorfologiche circolari, modulari e proporzionali in cui è suddivisa la litosfera.

L’energia in espansione di ogni cella geomagnetica, irradiata per 360°, interagisce con le altre secondo un sistema complesso di tipo frattale, generando una vibrazione ad armonica sei.

I terremoti si manifestano lungo i vettori elettromagnetici che descrivono gli esagoni regolari interni ed esterni alle circonferenze che, a passo costante, si espandono in forma concentrica intorno al centro geomagnetico che le ha generate.

Nel Mediterraneo il centro geomagnetico della macro-cella geomorfologica euroasiatica è collocato nel Mare Ionio e corrisponde al punto di convergenza delle linee che costituiscono i fronti di faglia delle placche tettoniche euroasiatica e africana, le quali si contrastano a causa del loro scorrimento in direzione opposta.

 

Dinamica sismo-tettonica

Immagine

CELLE GEOMAGNETICHE ATTIVE, INTERAGENTI TRA LORO SECONDO MODELLI PROPORZIONALI DI TIPO FRATTALE

Il 18 febbraio 2014, all’interno dello scenario sismico mondiale, si è verificata una sequenza di rilevanti terremoti che ha interessato  in prevalenza l’area dell’Oceano Pacifico:

1- h. 03:34:08 UTC – magnitudo 5.5 in Indonesia

2- h. 09:27:13 UTC – magnitudo 6.5 in Martinica

3- h. 10:12:14 UTC – magnitudo 5.7 in Nuova Irlanda

4- h. 23:34:08 UTC – magnitudo 5.9 in Perù

 

 

Correlazione sincronica tra Sole e pianeti e attività sismica sulla Terra

Immagine

DINAMICA DELLA FORMAZIONE DELLE CELLE GEOMORFOLOGICHE VIBRANTI AD “ARMONICA SEI”

 – Analogia tra Terra e Saturno, sulla base della medesima dinamica di relazione tra il moto di rotazione propria di ogni singolo pianeta e il campo magnetico del Sole, da cui deriva il moto sincronico di tutte le interazioni magneto-gravitazionali interne al sistema solare. 

– L’emissione di elettromagnetismo dai poli planetari della Terra, la cui intensità è direttamente derivata dall’attività del nucleo in relazione alle oscillazioni impresse all’asse terrestre inclinato dalle interazioni complesse magneto-gravitazionali, governa la progressione ad “armonica sei” dell’energia sismica.