Interazione sismica

Immagine

MODELLO CHE DESCRIVE I RAPPORTI D’INTERAZIONE TRA TERREMOTI DELL’AMERICA CENTRALE

– Il modello fu elaborato per l’articolo di Marisa Grande “L’interazione tra grandi sismi”, pubblicato sul N. 31 della rivista Scienza e Conoscenza di gennaio/marzo 2010. Descrive la dinamica di circolazione dell’energia sismica che nel Gennaio 2010 coinvolse l’area della California con un terremoto di M. 6.5 in Eureka del 10 gennaio 2010 e il disastroso terremoto di M. 7.0 in Haiti del 13 gennaio 2010.

– Applicato allo scenario sismico di Marzo 2014 conferma le correlazioni tra i terremoti della California e quelli del Golfo del Messico e del Mare Caraibico.

N.B: rendendo coerente il flusso di elettromagnetismo irradiato in stato caotico dai centri geomagnetici si potrebbe mitigare l’azione distruttiva provocata dai terremoti nelle aree periferiche delle celle geomorfologiche (Marisa Grande).

Annunci

Terremoti nel mondo:1-15 marzo 2014

Immagine

DINAMICA DELL’ENERGIA SISMICA

MODELLO 1: vibrazione elettromagnetica ad “armonica sei” irradiata dai centri geomagnetici delle macro-celle geomorfologiche, disposti in sequenza lungo la linea sincronica Terra-Sole che collega i due poli terrestri.

MODELLO 2: collegamento tra terremoti per mezzo di esagoni regolari composti da vettori elettromagnetici vibranti ad “armonica sei” e oscillanti intorno ai centri geomagnetici delle macro-celle, disposti in sequenza lungo la linea sincronica Terra-Sole che collega i due poli terrestri

Terremoti rilevanti oggi nel mondo: magnitudo 6.9 in California

Immagine

CORRELAZIONE TRA I TERREMOTI NELL’AREA DELL’OCEANO PACIFICO

I modelli descrivono la precisa geometria impressa all’area dell’Oceano Pacifico da una vibrazione tellurica originata da centri geomagnetici che irradiano elettromagnetismo nella litosfera.

– La correlazione tra i movimenti sismici all’interno delle celle geomorfologiche è regolata dalla interazione tra l’elettromagnetismo irradiato dal centro geomagnetico della macro-cella pacifica collocato nell’area dell’Arcipelago Tonga e l’elettromagnetismo irradiato da sei centri geomagnetici di celle minori, collocati ai vertici di un esagono elettromagnetico inscritto nella macro-cella.

– L’insieme composto dalla macro-cella e dalle celle minori ad essa connesse forma una sistema modulare di forme geometriche regolari (circolari, esagonali, stellari), che descrivono le linee elettromagnetiche percorse dall’energia sismica.

– Il rapporto proporzionale di tipo frattale tra le forme geometriche modulari descritte in ogni cella dalla propagazione dell’elettromangetismo irradiato dai rispettivi centri geomagnetici regola la dislocazione dei movimenti sismici all’interno delle distinte celle geomorfologiche.