Terremoti Italia dal 25 marzo al 29 aprile 2014

Immagine

TERREMOTI RELAZIONATI TRA LORO SECONDO LA TEORIA DELLE CELLE GEOMORFOLOGICHE

Il modello descrive la suddivisione della litosfera secondo un sistema modulare di celle circolari vibranti ad “armonica sei” e secondo il sistema frattale, nel quale la correlazione è determinata dalle interazioni tra celle proporzionali.

I movimenti sismici rispondono alla sollecitazione elettromagnetica irradiata dai centri delle celle geomorfologiche modulari che estendono i loro domini geologici oltre i confini interposti tra le nazioni.

Le celle-base di Casale Monferrato e di Ubertide interagiscono con le celle locali dei territori di Francia, Svizzera, Germania, Austria, Slovenia, Ungheria, Bosnia, Montenegro, Albania…, correlate tra loro secondo un sistema proporzionale di tipo frattale e tutte insieme, con la loro vibrazione elettromagnetica, contribuiscono a determinare la morfologia di territorio.

 

Annunci

Terremoti nel mondo in Aprile 2014

Immagine

MODELLO DI GRIGLIA ELETTROMAGNETICA CHE DETERMINA IL REGISTRO ARMONICO-VIBRAZIONALE DELL’ATTIVITA’ SISMICA NEL MONDO

Il modello descrive la griglia geo-elettromagnetica che fa vibrare la Terra ad “armonica sei” determinando lo scenario sismico mondiale.

La sequenza degli eventi sismici avviene per attivazione dei centri delle macro-celle geomorfologiche che configurano la litosfera, i quali irradiano elettromagnetismo.

L’energia sismica circola lungo circonferenze concentriche, che ricevono l’irradiazione dell’elettromagnetismo emesso dai centri delle celle geomorfologiche cui appartengono e dai quali si allontanano progressivamente fino a raggiungere le aree periferiche di ogni cella.

La circolazione di energia sismica e la sua propagazione nel mondo avviene attraverso punti di tangenza tra coppie di circonferenze opposte, appartenenti a distinte celle geomagnetiche correlate tra loro secondo una proporzione di tipo frattale.

Terremoti ricorrenti su determinati luoghi sono direttamente collegati alla continua incidenza di elettromagnetismo irradiato da uno o più centri geomagnetici delle celle geomorfologiche attive.

La dislocazione dei terremoti nel mondo deriva dalla sequenza ciclica che interessa la circolazione dell’energia sismica nella litosfera, ma il modello modulare e frattale che la regola è costante e permette di poter correlare tra loro terremoti che si verificano per risonanza anche a rilevante distanza geografica.

 

Scenario sismico nelle celle modulari mediterranee

Immagine

INTERAZIONE ELETTROMAGNETICA NEL SISTEMA MODULARE E FRATTALE DI CELLE GEOMORFOLOGICHE CHE MODELLANO LE AREE MEDITERRANEE

L’energia sismica che dal 25 03 2014 persiste nella cella di Casale Monferrato, interessando non solo l’Italia settentrionale ma anche la Svizzera e sopratutto la Francia meridionale, si è manifestata  anche in direzione sud-est.

Tre terremoti di magnitudo 2.7, 2.0 e 3.7 si sono verificati il 18 e 19 04 2014 nel Bacino Corso-Ligure e nella provincia di Perugia, alla periferia della cella di Casale Monferrato per interazione con l’elettromagnetismo irradiato da due celle geomorfologiche che interagiscono con la prima secondo la vibrazione ad “armonica sei”.

 

 

 

 

Correlazione tra terremoti

Immagine

RILEVANTI TERREMOTI NEL MONDO

La correlazione tra i terremoti di M. 7.5 che hanno interressato l’area sud del Messico e della Nuova Guinea scaturisce dalla risonanza generata dal movimento sismo-tettonico di M. 6.8 che ha interessato la dorsale sud-atlantica e le dorsali ad essa collegate propagandosi nelle macro-celle secondo la vibrazione ad “armonica sei”.

Scenario sismico mondiale dal 28 Marzo al 15 Aprile 2014

Immagine

CORRELAZIONE TRA I TERREMOTI A GRANDI DISTANZA PER CIRCOLAZIONE DI ENERGIA SISMICA LUNGO CIRCONFERENZE TANGENTI, MODULARI E PROPORZIONALI, IN UN SISTEMA DI CELLE GEOMORFOLOGICHE MONDIALI DI TIPO FRATTALE

– Un terremoto di M. 6.8 si è manifestato alle ore 03:57:02 UTC del 15 04 2014  ad una profondità di 10 Km., interessando l’Isola Bauvet a1000 Km. dal Sud-Africa.

Si tratta di uno dei rilevanti terremoti registrati ultimamente nell’area del sud del mondo.

Per la sua posizione all’incrocio tra fratture tettoniche che si diramano in tutto il globo terrestre può, pertanto, essere correlato con movimenti sismici che si verificano a grande distanza.

I primi a manifestarsi successivamente, nella mattinata del 15 04 2014, correlati tra loro secondo circonferenze proporzionali, sono:

M. 4.6 alle ore 07:56:46 UTC in Marocco

M. 4.5 alle ore 01:40 e M. 4.4 alle ore 04:01 UTC a Sulawesi in Indonesia.

Correlazione tra i terremoti dell’arco alpino

 

Immagine

DINAMICA DI CIRCOLAZIONE DELL’ENERGIA SISMICA ALL’INTERNO DELLA CELLA GEOMORFOLOGICA DI CASALE MONFERRATO

L’elettromagnetismo irradiato dal centro geomagnetico si espande in circonferenze concentriche, le quali interagiscono con altre celle, connesse tra loro in un insieme di tipo frattale che vibra secondo l’armonica sei.

La vibrazione armonica modella il territorio dell’Italia settentrionale e, estendendosi al di là dell’arco alpino, coinvolge le aree confinanti della Francia e della Svizzera.

Assorbendo le armoniche alla sorgente, ossia collocando un dispositivo che renda coerenti le onde di flusso di elettromagnetismo emesso in stato caotico dai centri geomagnetici di ogni cella descritta, è possibile limitare l’intensità dell’energia sismica, risolvendo a monte il problema dell’accumulo di stress tettonico sulle aree a rischio, dove, per il rilascio dell’energia sismica, si manifestano i terremoti.