Conferma scenario sismotettonico in area mediterranea

Immagine

L’INTERAZIONE ELETTROMAGNETICA GIA’ CIRCOLANTE AL 21 05 2014 TRA LE CELLE GEOMORFOLOGICHE MARSILI E SANTORINI HA PRODOTTO IL 24 05 2014 TERREMOTI DI NOTEVOLE INTENSITA’, PREVALENTEMENTE DISLOCATI TRA GRECIA E TURCHIA LUNGO LA LINEA DI FAGLIA DEL NORD EGEO

24 05 2014
MARE NORD-EGEO: h. 09:25  M. 6.9 – h. 09:31 M. 5.0 – h. 09:33 M. 4.5 – h. 10.11 M. 4.6 – h. 11:33 M. 4.6 – h. 14:49 M. 4.6

h. 16:50  M. 4.7

MARE SUD-EGEO: h. 14:02 M. 3.5

ALBANIA: h. 13:56 – M. 3.5

 

 

Annunci

Terremoti nel mondo: maggio 2014

Immagine

DINAMICA SISMICA MONDIALE

Le celle geomorfologiche, attive per irradiazione di elettromagnetismo dai loro centri geomagnetici, diffondono energia sismica nel mondo, veicolata da circonferenze tangenti e proporzionali tra loro secondo un sistema di tipo frattale, che vibrano ad “armonica sei”.

Terremoto oggi a Malta: verifica della validità del modello che descrive la dinamica sismica nell’area mediterranea

Immagine

AGGIORNAMENTO AL 21 05 2014 DEL MODELLO CHE DESCRIVE L’ATTIVITA’ ELETTROMAGNETICA DELLE CELLE GEOMORFOLOGICHE TIRRENICA ED EGEA, CON INSERIMENTO DEL MOVIMENTO SISMICO DI M. 4.4 CHE HA INTERESSATO L’AREA MEDITERRANEA DELL’ISOLA DI MALTA.

 

 

Terremoti nell’area mediterranea: 01-20 maggio 2014

Immagine

L’ATTIVITA’ ELETTROMAGNETICA DELLE CELLE GEOMORFOLOGICHE TIRRENICA ED EGEA GENERA MOVIMENTI SISMOTETTONICI NELLE TERRE DELL’AREA MEDITERRANEA.

– Lo scenario sismico descritto nel modello con i terremoti verificatisi nel periodo 1-20 maggio 2014 è determinato dall’attivazione elettromagnetica delle celle tirrenica ed egea.

– La loro interazione, secondo il modello che descrive lo scenario sismico nell’area mediterranea, ha generato nel periodo 1-20 maggio terremoti la cui intensità massima è stata di M. 5.0, avvenuti in Albania e in Grecia.

– L’attivazione in progressione verso est  -dal Marsili verso la Sila calabra-  dei centri geomagnetici di celle geomorfologiche minori comprese nella cella tirrenica meridionale ha determinato, tra gli altri movimenti sismici di minore entità, un terremoto di M. 3.7 nel Mare Tirreno, di fronte alla costa calabra alla profondità di Km. 262.

– La circolazione dell’elettromagnetismo con moto circolatorio descritto per mezzo delle circonferenze appartenenti alle due celle mediterranee tirrenica ed egea, tra loro tangenti e interagenti secondo un modello di tipo frattale, ha determinato anche un relativamente raro movimento sismico di M. 3.1, verificatosi oggi  20 maggio 2014 nel Mare Tirreno centrale, in area prospicente la costa laziale.  

 

 

 

Conferma dinamica sismica in area mediterranea

 

Immagine

ULTERIORI TERREMOTI REGISTRATI IL 15 E IL 16 MAGGIO 2014, CHE RIENTRANO NEL MODELLO ELABORATO IL 12 MAGGIO 2014

TERREMOTI NELLE CELLE GEOMORFOLOGICHE ATTIVE, CORRELATE TRA LORO SECONDO UN SISTEMA DI TIPO FRATTALE

– GRECIA, nell’area della cella ellenica: movimenti sismici di M. 2.5 – M. 2.3 – M. 2.5, M. 3.5.

– ITALIA, nell’area della cella tirrenica, in prossimità del centro geomagnetico Marsili: terremoto di M. 3.7 alla profondità di Km. 216,2.