Terremoti nel mondo: 17-29 giugno 2014

Immagine

DISLOCAZIONE DEI TERREMOTI NEL MONDO REGOLATA SECONDO IL SISTEMA FRATTALE DI CELLE GEOMORFOLOGICHE  VIBRANTI AD ARMONICA SEI

Annunci

Antiche pratiche di guarigione naturale degli effetti sull’uomo provocati dalle accentuate vibrazioni cosmiche al solstizio

ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine

ARTICOLI PUBBLICATI SULLA RIVISTA ANXA, maggio-ottobre 2013

 

Correlazione tra terremoti

Immagine

TERREMOTI NEL MONDO DAL 17 AL 23 GIUGNO 2014

I più rilevanti terremoti si sono registrati in data 23 06 2014 nell’Oceano Pacifico, dal Tropico del Capricorno verso il  Tropico del Cancro e il Circolo polare artico, a causa dell’oscillazione terrestre dovuta all’attrazione gravitazionale solare esercitata sull’asse terrestre nel giorno del solstizio.

La correlazione anche tra questi ultimi rilevanti terremoti conferma la validità:

– della griglia geo-elettromagnetica, che regola l’attività delle celle geomorfologiche mondiali;

– della dinamica d’irradiazione di elettromagnetismo dai centri delle celle geomorfologiche che, vibrando ad armonica sei, generano i più rilevanti terremoti sulle aree periferiche di celle limitrofe;

– dell’interazione tra celle geomorfologiche, che è regolata da un sistema proporzionale ci circonferenze elettromagnetiche, correlate tra loro secondo un sistema di tipo frattale.

ll modello elaborato secondo la teoria delle celle geomorfologiche, pertanto, può risultare:

– predittivo per comprendere la dinamica di propagazione e di circolazione nel mondo dell’energia sismica;

– propedeutico per mitigare l’attività sismica nel mondo, rendendo coerenti le onde di flusso caotico di elettromagnetismo irradiato dai centri delle celle, la cui attività si determina con una sequenza regolata dalla proporzione frattale.

(riferimento: Marisa Grande “La precaria armonia del cosmo”, Besa 2012).

 

Terremoti nel mondo: 13-16 giugno 2014

Immagine

SEQUENZA DI TERREMOTI NEL MONDO

la circolazione di elettromagnetismo nelle macro-celle geomorfologiche vibranti ad “armonica sei” ha determinato terremoti di magnitudo compresa tra 5.0 e 6.5 nei giorni dal 13 al 16 giugno 2014.

Il modello A, che descrive la circolazione dell’energia sismica nei giorni 13 e 14 giugno, per mezzo della vibrazione elettromagnetica che si propaga ad armonica sei in ogni macro-cella attiva, risulta predittivo per la manifestazione di movimenti sismo-tettonici nei giorni 15 e 16 giugno 2014, come indicato nel modello B e nei particolari descritti ai margini delle mappe A e B.

 

Terremoti nel mondo nei giorni 13-15 giugno 2014

Immagine

REGISTRAZIONE DEI TERREMOTI NEI GIORNI 13-14-15 GIUGNO 2014, IN CONCOMITANZA CON LA TEMPESTA MAGNETICA SOLARE CHE HA INFLUITO SUL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE.

I terremoti di maggiore magnitudo si sono verificati il 14 giugno, con un massimo di M.6.5 nel sud dell’Oceano Indiano.

Sistema frattale di celle geomorfologiche in area euroasiatica

Immagine

TERREMOTI IN AREA EUROASIATICA RAPPRESENTATI A DIVERSA SCALA GEOGRAFICA

Il ciclo di circolazione di energia sismica che ha prodotto i terremoti in giugno nel continente euroasiatico si è manifestata a partire dal 26 maggio 2014 con un terremoto di M. 5.0 nelle Isole Azzorre, attraversate da una circonferenza periferica della macro-cella che comprende l’Africa del nord e l’Euroasia e passa per la Frattura di Owen nel Mare arabico, a nord dell’Oceano Indiano.

I terremoti di maggiore entità, tanto nell’area mediterranea quanto nell’area asiatica, si sono manifestati in prossimità delle linee di faglia tettonica, per la compressione esercitata dal continente africano verso N-E, secondo una spinta opposta alla tendenza all’espansione, propria della macro-cella e delle celle locali in essa contenute secondo un rapporto proporzionale di tipo frattale.

 

Ultimi rilevanti terremoti nel mondo

Immagine

SITUAZIONE SISMICA NEL MONDO DAL 25 APRILE AL 31 MAGGIO 2014

I terremoti considerati sulle mappe mondiali sono d’intensita superiore a M. 4.0

I terremoti rappresentati sui modelli globali sono d’intensità compresa tra M. 5.7 e M. 6.9.