Arte e Scienza – Arte e Religione – Arte e Società

MARISA GRANDE ARTE E SCIENZA x blog GALATINA 2016

 

ARTE E RELIGIONE

PER IL GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

index

 

Servizio relativo alla mostra collettiva “Nell’anno Santo del Giubileo attraverso le forme artistiche rendiamo il mondo meno freddo e più giusto” realizzato dalla trasmissione televisiva culturale Arte24 sarà in onda su Rete Oro

www.dfgroma.com (nella sezione Arte24) da Domenica 24 Aprile:

Marisa Grande ha partecipato con l’opera pittorica “Singolarità e molteplicità”(olio su tela)

MARISA GRANDE SINGOLARITà E MOLTEPLICITà

ARTE E SOCIETA’

index 1indexDSC00437

LECCE – SALONE DEL PALAZZO VERNAZZA (sec. XVI)

MARISA GRANDE: Esposizione artistica (pittura-scultura- grafica- poesia) 20-27 Aprile 2016

 

Terremoti nel mondo dal 31 Marzo al 15 Aprile 2016

Blog-template-file-place NERO 1 A + 2 MAPPE DAL 31 03  AL 15 04 2016 psd

I TERREMOTI DI MAGGIORE MAGNITUDO:

M. 6.9   MYANMAR -13 04 2016

M. 7.0   KYUSHU – GIAPPONE – 15 04 2016  (distruttivo per persone e cose. Bilancio provvisorio: 29 morti e 1500 feriti) IN SEQUENZA SISMICA CON PRECEDENTI E SUCCESSIVI DI MINORE INTENSITA’,

SONO AVVENUTI, SECONDO L’ARMONICA SEI, SU UNA MEDESIMA CIRCONFERENZA DELLA CELLA GEOMORFOLOGICA INDONESIANA, AVENTE IL CENTRO GEOMAGNETICO NEL MARE MERIDIONALE CINESE.

AD UNA SCALA MAGGIORE DEL SISTEMA FRATTALE DI CELLE GEOMORFOLOGICHE, VIBRANTI AD ARMONICA SEI,  I TERREMOTI DI KYUSHU IN GIAPPONE E QUELLO IN GUATEMALA DI M. 62. -15 04 2016-  SI COLLOCANO SU UNA MEDESIMA CIRCONFERENZA PERIFERICA DELLA MACROCELLA PACIFICA AVENTE IL CENTRO GEOMAGNETICO NELL’ARCIPELAGO TONGA.

 

 

 

Terremoti nel mondo: dal 31 Marzo al 14 Aprile 2016

TERREMOTI NEL MONDO DAL 31 03 AL 14 04 2016

DINAMICA SISMICA NEL MONDO: I TERREMOTI DI MANIFESTANO SECONDO UN ORDINE CHE IMPLICA NUMERO, PROPORZIONE, SIMMETRIA, PROGRESSIONE ARMONICA IN SISTEMI COMPLESSI DI TIPO FRATTALE.

Nell’antica cosmologia il numero e la proporzione e l’armonia erano necessari nella formazione dell’universo e nella manifestazione della materia. La matematica  costituiva la struttura profonda dell’universo, generava le forme perfette e armoniche della geometria.

Einstein ha potuto includere la forza gravitazionale tra le quattro forze universali partendo dalla formula matematica. La scienza attuale, impiegando strumenti tecnologici sofisticati come l’interferometro Ligo, ha potuto dare forma geometrica e sonorità armoniche alla formula matematica di Einstein.

Dalla scienza del caos, che tratta dei sistemi complessi, è scaturita la forma dei frattali, che replicano il medesimo modello derivato da una funzione matematica, alle diverse scale dimensionali, comprese tra l’infinitamente piccolo e l’infinitamente grande.

(Marisa Grande)

 

 

 

 

 

LE ONDE GRAVITAZIONALI – L’intuizione nell’arte e le verifiche della scienza-

Blog-template-file-place NERO+MARISA GRANDE - MODULAZIONI  COSMICHE E ONDE GRAVITAZIONALI 2016 invito 1    psd

da: Henri Poincarè, “Le valeur de la science” – Flammarion, Paris 1905:

«Lo scopo della nostra attività dovrebbe essere la ricerca della verità, che è il solo fine meritevole per tali sforzi.

A volte, però, la verità ci spaventa […] E tuttavia la verità non andrebbe temuta, perchè essa è bella. Quando parlo qui della verità, intendo senza dubbio riferirmi alla verità scientifica ma mi riferisco anche alla verità morale, di cui ciò che chiamiamo giustizia è un singolo aspetto. Potrebbe sembrare che, così facendo, io stia usando impropriamente le parole, che stia unendo sotto lo stesso nome due cose che non hanno nulla in comune; che la verità scientifica, che è dimostrata, non possa in alcun modo essere accostata alla morale, che è sentita. E tuttavia io non posso separarle, e chi ama l’una non può fare a meno di amare anche l’altra[…] Per trovare l’una, così come per trovare l’altra, è necessario affrancare completamente la propria anima dal pregiudizio e dalla passione, è necessario raggiungere l’assoluta sincerità. Questi due tipi di verità, una volta scoperti, ci procurano la medesima gioia; l’una e l’altra, quando vengono apprese, brillano del medesimo splendore, uno splendore tale che per vederlo dobbiamo chiudere gli occhi[…] Entrambe, infine, ci attraggono e ci sfuggono; esse non sono mai qualcosa di immobile; quando crediamo di averle raggiunte, scopriamo di dover avanzare ancora, e colui che le insegue è condannato a non conocere mai riposo».

.

.